FANDOM


Nota disambigua
Il titolo di questa voce non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è A12. Uso in commutazione dei transistori.
Blue Glass Arrow RTL  A11. Tecnologia dei semiconduttoriCrystal Clear app kfm home  Sistemi e tecnologie elettronicheBlue Glass Arrow  A13. Circuiti logici: specifiche funzionali
Gli appunti che seguono sono contenuti nella sottopagina /sub (modifica · cronologia · aggiorna)

2-6 I transistori sono usati in commutazione per pilotare carichi di potenza (attuatori), cioè dei carichi che richiedono che scorra al loro interno una corrente di valore significativo, che i circuiti digitali commutano tra on e off attraverso gli interruttori. 3 I circuiti logici possono basarsi su: • logiche a giunzioni pn: diodi e/o transistori bipolari (in disuso); • logiche a transistori MOSFET: nMOS o CMOS. 8 Un carico di potenza è caratterizzato da tensione di lavoro, corrente, tipo (resistivo o reattivo), velocità di commutazione e tipo di interruttore.

b12. Uso in commutazione dei transistori 4 L’interruttore può assumere due stati: ON quando è chiuso e approssima il cortocircuito, OFF quando è aperto e approssima il circuito aperto. Le non idealità si rappresentano circuitalmente con la resistenza R_on in stato ON (idealmente nulla) e con un generatore di corrente di perdita I_"off" (idealmente nulla). 9 Gli interruttori si distinguono in: • high-side: l’interruttore si trova tra la tensione di alimentazione V_AL e carico Z_L; • low-side: l’interruttore si trova tra il carico Z_L e massa (V=0).

Interruttori low-side Interruttore low-side a transistore bipolare 10 Il circuito impone una retta di carico alla porta di uscita (collettore): V_AL=Z_L I_C+V_CE Il transistore bipolare può essere usato nelle applicazioni digitali commutando, attraverso la scelta della corrente di ingresso I_B, tra la re¬gione di saturazione (V_CE=〖V_CE〗_"sat" ≈0) e quella di interdizione (I_C=0). Il punto di funzionamento (〖I_C〗_0,〖V_CE〗_0 ) del transistore è l’intersezio¬ne tra la retta di carico e la caratteristica di uscita I_C=β_F I_B: • interdizione (circuito aperto): I_B≈0⇒{■(〖I_C〗_0≈0@〖V_CE〗_0≈V_AL )┤ • saturazione/conduzione (cortocircuito): I_B≥〖I_C〗_0/β_F ⇒{■(〖I_C〗_0=(V_AL-〖V_CE〗_"sat" )/Z_L ≈V_AL/Z_L @〖V_CE〗_0≈〖V_CE〗_"sat" )┤ Più la corrente I_B è elevata, più si garantisce che la tensione 〖V_CE〗_0 sia compresa nella regione di saturazione (〖V_CE〗_0<〖V_CE〗_"sat" ), e più è bassa la potenza dissipata P=〖V_CE〗_0⋅〖I_C〗_0≤〖V_CE〗_0⋅(〖β_F〗_"min" I_B ) → per massimizzare la corrente I_B così da minimizzare la tensione 〖V_CE〗_0, conviene scegliere l’estremo inferiore 〖β_F〗_"min" della fascia di incertezza di β_F. 11 La corrente di ingresso I_B, tuttavia, è piccola poiché proviene da un circuito digitale → con un solo transistore non è possibile realizzare un interruttore che abbia un guadagno sufficientemente significativo senza dissipare troppa potenza.

Interruttore low-side a transistori bipolari in configurazione Darlington 11 Due transistori bipolari sono collegati in coppia Darlington se la corrente di emettitore di uno è la corrente di base dell’altro. Il guadagno complessivo è il prodotto dei due guadagni parziali: I_C=[β_2 (β_1+1)+β_1 ] I_B≈β_1 β_2 I_B 12 Si possono anche collegare in cascata più di due transistori bipolari, anche in configurazioni miste. 13 Il tempo di commutazione è il tempo richiesto da un transistore bipolare per passare tra una buona approssimazione del circuito aperto e una buona approssimazione del cortocircuito. In particolare, spesso è significativo il tempo di commutazione di spegnimento, cioè il tempo di apertura dell’interruttore: poiché il transistore passa dalla regione di saturazione a quella di interdizione (I_C=0), deve infatti passare un certo tempo affinché si riduca l’eccesso di portatori minoritari n_p^' nella regione di svuotamento (transitorio di spegnimento). 14 La corrente di base I_B, che allontana gli elettroni in eccesso, è però molto bassa poiché arriva dal circuito digitale. Nella coppia Darlington, si collega un resistore R_E tra base e massa che aumenta la corrente per accelerare il tempo di commutazione di spegnimento del transistore T_2.

Interruttore low-side a transistore nMOS 15 Il transistore nMOS si comporta da interruttore aperto in regione di interdizione (V_GS<V_th) → la tensione di soglia V_th deve frapporsi a metà tra gli stati logici 0 e 1. Per il gate del transistore è sufficiente la corrente bassa proveniente dal circuito digitale. 17 Se il circuito digitale è collegato in maniera diretta al gate, però, il circuito risonante formato dalla capacità equivalente del gate C_G e da induttanze parassite può far oscillare la tensione rendendola instabile o superandone il valore massimo (breakdown) → 18 la resistenza R_G au¬menta il fattore di smorzamento γ: γ=R/2 √(C/L) e riduce il fattore di qualità Q=1⁄2γ, ma aumenta il tempo di commutazione perché rallenta il transitorio di carica e scarica del condensatore C_G.

Interfacce a componenti discreti 7 Poiché i circuiti digitali operano con correnti molto basse e non sono adatti a pilotare direttamente carichi di potenza, le interfacce a componenti discreti sono dei circuiti MOS driver che si occupano di amplificare il comando del circuito digitale in modo da fornire un valore massimo di corrente sufficiente per pilotare il carico di potenza. 19 Nel caso di interruttore a MOS, il tempo di commutazione t dipende da quanto viene caricata rapidamente la capacità di gate C_G: I=C dv/dt⇒Δv=v(t)-v_0=1/C ∫_0^t▒Idt=1/C I⋅t⇒t=C Δv/I 20 L’aggiunta di un MOS driver amplifica la corrente I e riduce il tempo di commutazione t. 21 In un condensatore posto molto vicino all’alimentazione del driver si accumula la carica di commutazione da fornire alla base.

Interruttori high-side Interruttore high-side a transistore bipolare npn 23 Il transistore bipolare npn non riesce ad approssimare bene il cortocircuito e dissipa troppa potenza: la tensione V_CE di conduzione, soprattutto considerando che la corrente sul carico I_C è molto elevata, è significativa poiché sulla giunzione base-emettitore è applicata una tensione di polarizzazione diretta non trascurabile tra il carico Z_L e l’alimentazione.

Interruttore high-side a transistore nMOS 24 Il transistore nMOS soffre in conduzione dello stesso tipo di problema: la tensione V_DS non riesce a essere trascurabile, ma siccome è imposta una tensione V_GS>V_th è dell’ordine di grandezza della tensione di soglia V_th. Il problema è risolvibile applicando al terminale di gate una tensione più elevata della tensione di alimentazione.

Interruttore high-side a transistore pMOS 25 Quando l’interruttore di controllo è chiuso, vale V_GS=-V_AL (affinché il transistore pMOS sia in conduzione, deve valere V_GS<V_th), ma c’è poca dissipazione di potenza perché la tensione di source però non è più vincolata ad essere uguale a quella del carico Z_L. Tuttavia, le prestazioni di un pMOS sono peggiori di quelle di un nMOS sia in termini di velocità di commutazione, sia perché ha un’elevata re¬sistenza R_on.

Isolamento galvanico ottico 26 La parte di controllo (il circuito digitale) e la parte di potenza (l’interruttore) devono essere elettricamente isolate l’una dall’altra a causa di eventuali sbalzi di tensione o interferenze. Tipi di isolamento galvanico: • trasformatore: isolamento tramite campo magnetico; • condensatore: isolamento tramite campo elettrico; • fotoaccoppiatore o isolatore fotovoltaico: isolamento ottico. 27 Per il passaggio di segnali in continua l’isolamento ottico non richiede modulazione, al contrario delle altre due soluzioni basate su elementi reattivi.

Fotoaccoppiatore 28 Il fotoaccoppiatore è un circuito integrato dove il segnale elettrico passa unidirezionalmente attraverso un meccanismo ottico: • alla porta d’ingresso vi è un diodo LED: la radiazione luminosa in uscita ha un’intensità proporzionale alla corrente fornita all’ingresso; • alla porta d’uscita vi è un fototransistore, cioè un transistore bipolare la cui corrente di base I_B è fornita dall’assorbimento di radiazione luminosa proveniente dal diodo LED → la corrente di base, pur essendo a sua volta proporzionale alla corrente fornita all’ingresso, è i¬solata da quest’ultima. 29 Il CTR (Current Transfer Ratio) è il rapporto tra la corrente di collettore del transistore bipolare e la corrente d’ingresso nel diodo LED. 30 Il tempo di commutazione del fotoaccoppiatore è lento, in particolare il tempo di spegnimento a causa del transistore bipolare (bisogna attendere la ricombinazione dei portatori minoritari nella base). Aggiungere una resistenza per velocizzare il tempo di commutazione riduce il parametro CTR.

Isolatore fotovoltaico 32 L’isolatore fotovoltaico sfrutta lo stesso meccanismo ottico del fotoaccoppiatore con alcune differenze: • alla porta d’ingresso sono posti in serie due diodi LED → la tensione alla porta d’ingresso è maggiore; • alla porta d’uscita sono posti in serie delle giunzioni pn dette fotodiodi, che convertono una radiazione luminosa in un segnale di corrente. Anche se non richiedono alimentazione, i fotodiodi generano una corrente bassa → se messi a pilotare direttamente un transistore MOS, i tempi di commutazione sono molto lunghi.

Comportamento in commutazione Carico resistivo (Z_L=R_L) 34 In un interruttore low-side a transistore nMOS, se il carico è di tipo resistivo la retta di carico è definita come: V_DS=V_AL-R_L I_L ,I_L≡I_D stato OFF (t=0^-) {■(V_L=R_L I_L=0@V_DS=V_AL )┤ stato ON (t=0^+) {■(V_L=R_L I_L@V_DS=R_on I_L≈0)┤ 40 La retta di carico può trovarsi per un breve periodo di tempo (<100 μs) durante la commutazione al di fuori dalla Safe Operating A¬rea (SOA) statica, ma sempre entro quella dinamica caratterizzata da una potenza massima maggiore.   Carico induttivo (Z_L=R_L+jωL): transitorio di accensione 42 La corrente I_L cresce solo esponenzialmente perché non è forzata: stato OFF (t=0^-) {■(V_L=0@R_L I_L=0@V_DS=V_AL )┤ stato ON (t=0^+) {■(I_L (0^+ )=I_L (0^- )@├ (dI_L)/dt┤|_(t=0^+ )>0)┤⇒{■(V_L=L (dI_L)/dt=V_AL@R_L I_L=0@V_DS=0)┤ stato ON (transitorio esaurito) {■(V_L=0@R_L I_L=V_AL@V_DS=0)┤ 43 La potenza dissipata dal transistore rimane sempre dentro la SOA, perché non si hanno mai tensione V_DS e corrente I_L entrambe elevate allo stesso istante.

Carico induttivo (Z_L=R_L+jωL): transitorio di spegnimento 44-45 La corrente I_L diminuisce molto rapidamente perché è forzata dal transistore MOS che è supposto ideale: stato ON (t=0^-) {■(V_L=0@R_L I_L=V_AL@V_DS=0)┤ stato OFF (t=0^+) {■(I_L (0^+ )=I_L (0^- )@├ (dI_L)/dt┤|_(t=0^+ )≪0)┤⇒{■(V_L=L (dI_L)/dt≪V_AL@R_L I_L=V_AL@V_DS=V_AL-V_L-R_L I_L≫V_AL )┤ stato OFF (transitorio esaurito) {■(V_L=0@R_L I_L=0@V_DS=V_AL )┤ 46 Nel transitorio, la tensione di drain V_DS assume un valore molto superiore alla tensione di alimentazione V_AL, tanto che la potenza dissipata esce persino dalla SOA dinamica e può anche raggiungere la tensione di breakdown del transistore. 47 L’energia accumulata nell’induttore: E_L=1/2 L_L 〖I_L〗^2 alla commutazione viene scaricata sul transistore nMOS. 48 Un diodo di ricircolo (o volano) posto in parallelo al carico protegge il transistore dagli sbalzi di tensione: quando l’interruttore si apre, il diodo da interdetto (V=-V_AL<V_γ) entra in conduzione (V≃-V_L≫V_AL) e si determina un flusso di corrente verso il diodo in modo che l’energia E_L accumulata dall’induttore si scarichi sulla resistenza parassita del diodo e sulla resistenza di carico R_L.

Blue Glass Arrow RTL  A11. Tecnologia dei semiconduttoriCrystal Clear app kfm home  Sistemi e tecnologie elettronicheBlue Glass Arrow  A13. Circuiti logici: specifiche funzionali

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale